top of page

Lascia che accada.

Quando tre anni fa iniziai a sentire dentro di me il movimento generativo della creazione non credevo potesse davvero divenire ciò che ora è davanti ai miei occhi.

Il ribollire viscerale mi raccontava di  qualcosa che aveva il desiderio di ESSERE. Qualcosa con il potere nucleare di materializzarsi, di nascere.

Non credevo potesse esprimersi con così intensa forza e potenza.


Con la collega Elena Bongiovanni www.elenabongiovanni.it condividevamo il continuo ascoltare la sofferenza e la difficoltà delle persone che, nei percorsi di counseling, raccontavano l'impossibilità di muoversi, l'impossibilità di "cambiare posizione", l'impossibilità di trovare un'alternativa al problema o alla difficoltà presente nella loro esistenza.

Il counseling usa diverse tecniche per aumentare gli "sguardi" sulla situazione che si sta vivendo. Usa tecniche derivanti da vari approcci e orientamenti teorici. Le più affascinanti per me sono quelle creative e artistiche, come i dispositivi analogici che favoriscono la generazione di un proposito nuovo nell'affrontare e superare il blocco percepito.


Proprio perché credo nella profonda capacità dei dispositivi analogici ed artistici di generare nuove possibilità e di favorire una trasformazione, ho amato fin da subito le carte e mi sono abbandonata alla loro creatività.

Ho sperimentato su di me i loro innumerevoli benefici e ne ho conferma ogni giorno quando le metto in gioco con i clienti.

I dispositivi analogici hanno l'intuitiva capacità di collegare il sentire primordiale che c'è in ciascuno di noi con le possibili risorse e azioni da incarnare.

Così è successo, ho lasciato al mio intuito carta bianca e lui ha incarnato l'azione.


E quando lasciamo accadere il nostro intuito, il nostro inconscio esulta e porta alla luce la forza vitale più nascosta, più antica, più intuitiva appunto.

E questi diviene una sorgente zampillante di scoperte e conoscenze.

Lasciare accadere che la nostra vita più intuitiva e autentica possa esistere ed esprimersi, arricchisce e nutre la nostra presenza.

Lasciare accadere è come abbandonarsi un po' a ciò che non sappiamo, non controlliamo, abbandonarsi al mistero che ci avvolge.

Lasciare accadere è un gesto di fiducia, di fede, che incontra la saggezza della Vita e della sua trama perfetta.

La trama perfetta della Vita è come un intreccio di mani con il coraggio di toccarsi, stringersi, tenersi e attraverso il contatto provare la bellezza delle emozioni e dello stare in relazione.


È sperimentando il "lasciare che accada" che il nostro gioco Carte delle azioni possibili è diventato realtà. Ha potuto manifestarsi nella materia e da oggi in avanti potrà tessere nuove trame con i futuri incontri che attirerà a sé. Il gioco delle Carte delle azioni possibili ha connaturato l'intento di far nascere sempre più vicinanze e legami nutrienti e autentici: legami che salvano, legami che si definiscono e ridefiniscono continuamente nel sentire con l'altro.


E' con questo intento che inizio l'anno 2023, è con questo spirito di desiderio che lascio che accada il mio incontro con te che stai leggendo e con tutti quelli che toccherò e incontrerò nel mio cammino.


Lascia che accada.



Se vuoi sapere di più sulle carte, se vuoi acquistarne un mazzo, se vuoi partecipare ad un seminario formativo esperienziale delle Carte delle azioni possibili, chiamami o scrivimi.

Commentaires


bottom of page