top of page

Come un'artigiana della cura

Se penso a come è nato in me il desiderio di fare questo lavoro, ricordo immediatamente i miei lasciare la città di Milano, e una buona posizione professionale, per iniziare a gestire una comunità residenziale di recupero tossicodipendenti, nel lontano 1983.

Avevo otto anni e da quel momento ho compreso che il mio destino sarebbe stato quello di respirare l'aria di bottega, la bottega della cura e del prendersi cura.

Sono cresciuta a riunioni di èquipe in casa e a pranzi di Natale condivisi in comunità con numerosi ragazzi e ragazze.

Oggi tutte le volte che ascolto una donna raccontare la sua sofferenza mi ricordo che è possibile, e bellissimo, prendersi cura del dolore altrui ed è realizzabile accompagnare nella ricerca della propria resilienza...

Comentários


bottom of page